La RAS nell’ambito delle politiche di sviluppo rurale  ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale effettua, tramite l’ISMEA interventi di ricambio generazionale in agricoltura, intesi ad incentivare l’insediamento di giovani nella conduzione di imprese agricole competitive.

 


Il regime di aiuto prevede l’erogazione di un premio in conto interessi nell’ambito di un’operazione  di intervento fondiario che si concretizza attraverso l‘acquisto a cancello aperto (con esclusione, quindi, delle scorte vive e morte) di efficienti strutture fondiarie agricole e la successiva rivendita, con patto di riservato dominio, in favore di giovani che si insediano per la prima volta in agricoltura.

 

Soggetti beneficiari: giovani che al momento della presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti:

  1. età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non ancora compiuti;
  2. cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea;
  3. residenza nel territorio della Repubblica Italiana;
  4. competenze professionali ex art. 5 del bando di gara;
  5. qualificazione professionale ( IAP/Coltivatore diretto) da non oltre sei mesi dalla data di presentazione della domanda;
  6. conduzione, per la prima volta, in qualità di titolare/legale rappresentante di: impresa individuale oppure società agricola anche cooperativa.

Requisiti di accesso: L’accesso alle agevolazioni è concesso ai giovani che, alla data di presentazione della domanda di partecipazione al bando, dimostrino di insediarsi o di essere insediati da non più di sei mesi in agricoltura per la prima volta in qualità di titolare/legale rappresentante di un’impresa o di una società agricola che rispettino i seguenti requisiti: fabbisogno di manodopera aziendale pari ad almeno 1,0 ULA, reddito lordo standard (RLS) di almeno € 9.6;  sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione, attraverso la compilazione del piano aziendale;

Per insediamento si intende l'atto con cui il soggetto richeidente assume la titolarità/legale rappresentanza della società agricola e può avvenire in una società di nuova costituzione oattraverso il subentro di un'impresa /società agricola esistente ( la domanda di ammissione può essere presentata ad insediamento avvenuto da non più di sei mesi rispetto alla data di presentazione della stessa).

Modalità operative di intervento:

  • a fronte della offerta di vendita di un fondo rustico, che dovrà pervenire unitamente alla domanda di partecipazione, l’Ismea procederà alla valutazione e all’acquisto ed alla rivendita contestuale del medesimo , con patto di riservato dominio in proprio favore, all’impresa/società agricola ammessa alle agevolazioni;
  • nell’ambito del contratto di vendita con patto di riservato dominio è concesso da Ismea un premio in conto interessi, ad abbattimento delle rate semestrali, costanti e posticipate, da restituire secondo un piano di ammortamento, di durata variabile, a scelta del richiedente, tra 15, 20, 25 e 30 anni.
  • Ai sensi dell’art. 1523 C.C., l’impresa/società agricola assegnataria acquisterà la proprietà del terreno con il pagamento dell’ultima rata di prezzo.

Il premio di primo insediamento è erogato come abbuono in conto interessi il cui valore attualizzato non può essere superiore a Euro 40.000.


Ai fini della partecipazione al presente bando, a pena di esclusione, i soggetti interessati dovranno presentare la domanda entro e non oltre il giorno 30/06/2013.


Si invitano gli interessati a consultare l'avviso pubblico  

http://www.regione.sardegna.it/j/v/13?s=203937&v=2&c=3&t=1

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 03 Agosto 2012 12:25 )