L’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio informa che dal 20 al 31 ottobre 2012 possono essere presentate le domande di contributo per l’organizzazione di manifestazioni pubbliche di grande interesse turistico relative all’annualità 2013.

Destinatari del contributo oltre agli enti pubblici e ai comitati organizzativi, sono tutti gli organismi privati tra cui le società cooperative.

 


Requisiti soggettivi:

 

  • garantire la necessaria capacità tecnico-organizzativa;
  • essere in regola con la presentazione dei relativi rendiconti, nel caso abbiano ricevuto precedenti contributi regionali;
  • non essere un’organizzazione ad attività individuale ed essere orientati a fornire servizi utili alla collettività o a porzioni di essa e non al semplice interesse dei soci;
  • essere costituiti con atto pubblico o registrato. I relativi organi devono, inoltre, essere funzionanti e istituzionalmente completi;

Requisiti oggettivi:Le manifestazioni per le quali si chiede il contributo devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  • grandi eventi ''identitari'' di particolare valore storico-culturale, che caratterizzano l’immagine della Sardegna e in grado di promuovere la stessa a livello internazionale. In particolare, gli eventi riguardano: (S.Efisio di Cagliari, Cavalcata Sarda di Sassari, Candelieri di Sassari; Redentore di Nuoro; Sartiglia di Oristano; Ardia di Sedilo; S. Simplicio di Olbia; la Settimana Santa di Iglesias; S. Francesco di Lula, Lula-Nuoro; la Corsa degli Scalzi a Cabras; l'Antico sposalizio selargino di Selargius; Sagra di S.Antioco Martire a S.Antioco; Sciampitta di Quartu S.Elena);
  • grandi eventi ''non identitari'' di carattere nazionale, internazionale o regionale e di consolidato rilievo turistico: si tratta di manifestazioni di jazz e blues, dei grandi carnevali consolidati, di grandi manifestazioni religiose, musicali, culturali, teatrali, di manifestazioni territoriali a livello provinciale che agiscono da attrattori turistici grazie alla risonanza territoriale e mediatica, alla capacità tecnico-organizzativa dell’organismo proponente, alla rilevanza degli artisti o delle compagnie partecipanti;
  • eventi a carattere territoriale; sono comprese le iniziative di tipo folkloristico, teatrale, musicale, di danza e di letteratura (anche a circuito sovracomunale o provinciale ma comunque di valore) radicate nei territori o da realizzarsi nelle zone a debole economia turistica nonché quelle capaci di promuovere il collegamento coste-interno e quelle aventi comunque potenziali capacità meritevoli di sostegno;
  • manifestazioni a sostegno del turismo congressuale, sportivo, religioso; si tratta prevalentemente di sagre religiose e di manifestazioni capaci di far rivivere e promuovere la conoscenza delle tradizioni, anche enogastronomiche, della Sardegna.

Le manifestazioni devono essere rappresentate in luogo pubblico o aperto al pubblico del territorio regionale, non avere scopo di lucro, essere finalizzate alla promozione dell'immagine della Sardegna e all’attrazione di nuovi flussi di visitatori, interagire fortemente con le altre iniziative pubbliche e private di promozione turistica del territorio, favorendo la destagionalizzazione dell'offerta turistica della Sardegna.


La domanda, completa della documentazione richiesta, deve essere inviata tramite raccomandata con avviso di ricevimento.

 

Si invitano le interessate a consultare l’avviso pubblico: 

 

http://www.regione.sardegna.it/j/v/48?s=1&v=9&c=64&c1=1285&idscheda=288954 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 08 Ottobre 2012 16:19 )