La RAS ha previsto la realizzazione di interventi di microcredito nell’ambito del POR FSE 2007/2013, costituendo un fondo di rotativo per l’erogazione di prestiti a valere sull’Asse III del Programma Operativo.

Il fondo fornisce il proprio sostegno finalizzato al contrasto della disoccupazione e all’integrazione sociale nel mercato del lavoro attraverso il finanziamento di inziaitive imprenditoriali promosse da parte dei categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito e in condizioni di svantaggio.

 

SETTORI AMMESSI: tutti i settori di attività economica ad eccezione dei settori esclusi dai regolamenti comunitari vigenti.

SETTORI PRIORITARI: sono considerate prioritarie le proposte rientranti nelle seguenti categorie di attività:

  • Servizi al turismo ( alloggio, ristorazione, servizi);
  • Servizi sociali alla persona;
  • Tutela dell’ambiente;
  • Energie rinnovabili;
  • Servizi culturali e ricreativi;
  • Manifatturiero;
  • ICT
  • Risparmio energetico ed energie rinnovabili;
  • Commercio di prossimità, artigianato, servizi alle imprese;

BENEFICIARI: soggetti che per condizioni soggettive ed oggettive si trovino in condizioni di difficoltà di accesso ai canali del credito tradizionali e che vogliano avviare una nuova attività imprenditoriale in Sardegna o realizzare un nuovo investimento nell’ambito di iniziative esistenti ubicate all’interno di unità locali presenti nel territorio regionale.

Per CONDIZIONI SOGGETTIVE si specifica che le proposte potranno essere presentate da: soggetti a rischio esclusione sociale ( lavoratori over 50, giovani disoccupati/inoccupati, cassa integrati), cittadini che non usufruendo di altre sovvenzioni pubbliche o indennità di disoccupazione e/o mobilità si trovino in condizioni di disoccupazione o inoccupazione; donne; soggetti svantaggiati (l.R. 22 aprile 1997 n.16 art.24 es. sopggetti diversamente abili, migrati, ex detenuti;famiglie monoparentali; nuovi imprenditori ( inclusi titolari di impresa da non più di trentasei mesi all’atto di presentazione della domanda); Per le società i requisiti soggettivi devono essere posseduti da uno o più soci che nel complesso detengono il 51% delle quote sociali e uno o più di questi stessi soci devono essere amministratori della società;

 

Per CONDIZIONI SOGGETTIVE: riguardo alle condizioni oggettive le proposte potranno essere presentate da microimprese costituende o già costituite, cooperative ( tipo A e B) costituende o già costituite operanti nei settori ammissibili, piccole imprese da costituire operanti nei settori ammissibili; organismi no profit e operatori del privato sociale con posizioni nuove o non consolidate sul mercato operanti nei settori dei servizi sociali alla persona;

 

DOMANDE DI ACCESSO: A partire dal 18 Giugno 2013

 

Si invitano gli interessati a consultare l’avviso pubblico.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 05 Giugno 2013 17:41 )