Sono stati firmati i primi contratti tra Cassa Depositi e Prestiti e le singole banche che vogliono aderire al Plafond Casa, uno strumento nato con il Decreto Legge 102/2013 e grazie al quale sono stati stanziati, da parte di CDP, 2 miliardi per l'accensione di mutui, sia per l'acquisto dell'abitazione principale che per la ristrutturazione ed il miglioramento dell'efficienza energetica, con condizioni particolarmente favorevoli. Possono accedervi tutti i cittadini, ma una speciale attenzione è riservata ai “beneficiari prioritari”, identificati nelle giovani coppie, nelle famiglie numerose e nei nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile. L'accesso è regolato “a sportello”, fino ad esaurimento, con un limite di 150 milioni di euro per ciascuna banca.

Termini e condizioni dei finanziamenti sono negoziati e determinati in autonomia dalle banche, che esaminano le richieste e decidono l'eventuale concessione del credito, dando precedenza alle domande formulate dai beneficiari prioritari. Rivolgendosi ad uno degli istituti aderenti sarà possibile ottenere informazioni dettagliate sull'iniziativa, che dovrà anche essere adeguatamente pubblicizzata presso la clientela (sia nelle filiali che attraverso la diffusione cartacea o via web) per consentire una chiara e immediata differenziazione del Plafond Casa dagli altri prodotti standard, rispetto ai quali sono previsti tassi di interesse particolarmente vantaggiosi. In ciascun contratto di finanziamento dovrà essere specificato che l'operazione è stata realizzata utilizzando la provvista messa a disposizione dalla CDP, indicandone il relativo costo e la durata, nonché il vantaggio ottenuto in termini di riduzione del tasso annuo nominale (“TAN”).

Il Plafond Casa prevede 3 diverse durate temporali e 3 diversi importi limite: finanziamenti fino a 100mila euro per gli interventi di ristrutturazione con accrescimento dell'efficienza energetica, fino a 250mila euro per l'acquisto di una abitazione principale senza interventi di ristrutturazione, fino a 350mila euro per l'acquisto di una abitazione principale con interventi di ristrutturazione sulla stessa con accrescimento dell'efficienza energetica;  i tempi per il rimborso possono essere previsti a dieci, venti o trent'anni. Maggiori informazioni e dettagli sono disponibili sul sito di Cassa Depositi e Prestiti.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 08 Gennaio 2014 14:56 )